Novità ed eventi

Tempo d’esami: contro stanchezza e affaticamento un aiuto dal caffè

Contribuisce ad aumentare il grado di vigilanza e concentrazione

Stanchezza e affaticamento sono problemi comuni, per gli italiani alla soglia degli esami universitari o di maturità. Ma non solo: dall’analisi del Royal College of Psychiatrists del Regno Unito, 1 persona su 5 si sente spesso stanca e 1 su 10 ha un senso di affaticamento prolungato. Un’assunzione moderata di caffè (3-5 tazze al giorno) ben distribuita nell’arco della giornata, in accordo allo stile di vita di un individuo, può aiutare a ridurre il senso di stanchezza nelle situazioni di tutti i giorni, come gli imminenti esami, e a migliorare l’attenzione sul lavoro o alla guida. La principale componente attiva del caffè è la caffeina, un composto che si trova in una serie di piante, incluse quella del caffè, del tè e del cacao. Una normale tazza di caffè contiene 75-100mg di caffeina, mentre i livelli nel tè e nel cacao sono inferiori. La European Food Safety Authority (EFSA) è giunta alla conclusione che esiste una relazione di causa effetto fra una porzione di 75mg di caffeina, la quantità presente approssimativamente in una normale tazza di caffè, e l’aumento di attenzione e di concentrazione. Tali effetti benefici si riscontrano, ad esempio, in situazioni di prolungato sforzo, come lavoro notturno, jet lag e lunghi viaggi.

Fonte: askanews.it

Le altre notizie...

05 dicembre 2018 15:00

Fiori di Bach

  I FIORI DI BACH Nati dagli studi e intuizioni del dottor Edward Bach nei primi anni del...

Leggi la notizia

Malattie del cuore prima causa di morte nel m...

Giornata Mondiale per il Cuore, 29 settembre Si deve fare ancora molto per aumentare la...

Leggi la notizia

Meditazione: dagli Usa all’Italia è boom di “...

Un successo globale, mercato da 1,2 mld di dollari in forte crescita Lo stress dalla routine...

Leggi la notizia

In forma dopo l’estate? Ecco la “dieta del ri...

Con l'aiuto dei prodotti surgelati preziosi alleati per la linea. In vacanza, si sa, ci si concede ...

Leggi la notizia